Dolcezza a colori: intervista a Cristina Trapanese

Pastelli di una dolcezza unica quelli che affiorano dalle bellissime illustrazioni di Cristina Trapanese, che realizzerà per noi una tavola in mostra ad Empoli il 21/22 Aprile per Let’s Dance! • GRAND TOUR!

Cristina Trapanese è una Illustratrice freelance, che vive tra Napoli e Roma.
Attualmente frequenta il Master di Illustration 360 da IDEA Academy, Roma.
Nata a Napoli nel 1992. Laureata all’Accademia di Belle Arti di Napoli e diplomata alla Scuola Italiana di Comix.
Ha dipinto per sei anni olio su tela in bottega prima di scoprire l’illustrazione.
Ama lavorare in tradizionale e anche in digitale.
Ama sperimentare e usare tecniche miste.

Presentati… cinque parole a vanvera su Cristina illustratore.
Pastelli
Pigmenti saturi
mixed media
rough

Cinque parole a vanvera su Cristina umano.
Lunatica
Timida
Ansiosa
Empatica
Curiosa

Una dote/caratteristica che non può mancare ad un disegnatore?
La curiosità

Cosa odi di più del tuo lavoro?
Beh, odio il fatto che non sia riconosciuto come tale, e non solo da chi è fuori da questo giro, ma purtroppo, a volte, anche da chi ne fa parte.
Quello che odio è la mancanza di rispetto per questo lavoro.

Ah già… The o caffè?
The, amo particolarmente i the e gli infusi che hanno nomi bellissimi come “ninna per elefanti” o “piccolo principe “.
A casa mia troverete sempre una vasta scelta, specialmente di the verdi.

A quale ballo non puoi resistere?
Eheh.. essendo molto timida resisto molto bene a qualsiasi ballo.

Quando il gatto non c’è i topi ballano… Chi è il tuo “gatto” e quando non c’è cosa fai?
Il mio gattone è mio padre, maniaco dell’ordine, con particolare attenzione per la cucina. Sono molto disordinata, quando non c’è persevero.

Qual è la canzone che ti vergogni di sapere a memoria?
“Di sere nere” di Tiziano Ferro.

Con chi balleresti un tango appassionato e con chi ti butteresti nel pogo?
Premetto che non ballerei.. ahahah, ma se proprio dovessi associare delle persone a queste circostanze, o fossi costretta da alieni conquistatori che hanno preso in ostaggio la mia famiglia… Ballerei il tango appassionato con John Travolta e mi butterei nel pogo con Caparezza.

Hai una “playlist di lavoro” (5/10 tracce) che hai il coraggio di condividere con noi?
Non ho una “playlist di lavoro” inizio con un brano che mi piace poi lascio fare a Spotify.
Posso citarvi alcuni dei miei gruppi/ cantanti preferiti: I Baustelle, De André, i Led Zeppelin, Caparezza, gli Imagine Dragons..

Chi tiri in ballo? Suggerisci un artista che ammiri
Sono tantissimi gli artisti che ammiro il mondo è pieno di illustratori talentuosi!
Concedetemi almeno di citarne un paio: Gosia Herba che seguo dai social e Alessandra Vitelli che ho la fortuna di aver avuto come insegnante.

Qual è la città toscana che preferisci?
Mi piace molto Siena, il suo aspetto medievale mi fa sentire in una diversa epoca e mi stuzzica la fantasia.

Qual è il piatto toscano che preferisci?
Il Baccalà alla Fiorentina!

Qual è la parola toscana che ti fa più ridere e quella che proprio non capisci?
Mi fa molto ridere “Grullo” poichè, a mio parere, il suono della parola si sposa magnificamente con il suo significato.
Onestamente tutte quelle che mi sono venute in mente ( di cui non sapevo il significato) , sono state prontamente cercate su Google.

Segui il lavoro di Cristina Trapanese su Facebook, Blogspot, Instagram e Behance!

Condividi!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *