Almanacco illustrato di libri prestati: Coraline

Recensione numero 8

“Coraline”Neil Gaiman
Consigliato da Celina Elmi

Coraline è un’esploratrice.
Coraline è un libro che parla di coraggio e delle cose per cui vale la pena rischiare nella vita, di quelle cose che vanno fatte perché è giusto così e che tu sia una bambina di undici anni o una donna di trentadue è esattamente lo stesso.
Dal primo momento ho provato empatia con quella bambinetta e da lì è stato tutto un fare un vero e proprio tifo per lei (giuro che nella mia testa l’ho incitata più di una volta).
Coraline è intriso di un’inquietudine antica dall’inizio alla fine, ti tiene letteralmente incollato al libro. I personaggi buoni, cattivi, comprimari, animali, la casa stessa è tutto tratteggiato come se te lo stesse disegnando davanti Gaiman e come fa magistralmente Dave Mckean che ha illustrato l’edizione che avevo io e che davvero dimostra quanto bene si possa fare questa professione rendendo, se possibile, ancora più inquietante il libro.
Uno di quei casi che mi fanno tormentare tutti quelli che incontro non appena ho terminato la lettura con un “ah, se tutti i libri fossero così quanti lettori in più avremmo!” perché diamine…è così!
Lavoro spesso con libri per ragazzi e fatemi dire che molte volte sono a dir poco… noiosi mortalmente.
Sarà la troppa tutela che abbiamo nei loro confronti?
Il non volerli spaventare mai?
Il volerli proteggere da tutto?
Non lo so, fatto sta che Coraline non cerca di tutelare proprio nessuno, fa una paura cane (pure a me) ed è un libro potentissimo.
Ci vuole un’ora a leggerlo dunque non fate i pigri e correte a comprarlo qualunque età voi abbiate!
Bellissimo.

Il progetto

Qualche anno fa parlando con un amico gli chiesi per gioco di consigliarmi il libro che per lui aveva avuto più significato, il libro della vita, dicendo che avrei letto qualunque titolo avesse tirato fuori.
Il libro consigliatomi era “Trilogia della città di K” di Ágota Kristóf.
Il romanzo è sconvolgente, ma la cosa che ancor più mi ha sconcertato è che non lo avrei mai letto.
Se non fossi stata legata a quella promessa fatta una sera dopo cena, non avrei mai notato quel libro in libreria perché la copertina era cupa, non lo avrei scelto leggendo il retro che lasciava trapelare l’argomento pesante che trattava, non lo avrei finito perché la scrittura mi provocava disagio.
Insomma se non avessi fatto quella promessa mi sarei persa una perla della letteratura solo perché superficialmente non era nelle mie corde.
Da quel giorno ho iniziato a chiedere ad ognuno il libro della vita, e a leggerlo, qualunque libro fosse.
Di ogni libro produco un disegno, una specie di recensione illustrata.
Il progetto, ancora in corso, è quello di creare un Almanacco illustrato di libri prestati, che raccolga tutti i libri che le persone mi hanno consigliato e, con i libri un pezzetto delle persone stesse.
Se volete consigliarmi un libro sapete dove trovarmi.

Nota

Le recensioni sono fatte da Camilla Garofano, che non è un’esperta di letteratura ma solo una povera disegnatrice appassionata di libri, quindi, alcuni gli piacciono alcuni no, alcuni manco li capisce.
Più che altro guardate i disegnini via, poi leggete i libri e vi fate un’idea vostra che il parere di Camilla non è proprio affidabile.

Condividi!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *